Home > cultura > Chi vuole viaggiare nel tempo?

Chi vuole viaggiare nel tempo?

19 Marzo 2017

Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Fisica & Matematica > Onde gravitazionali, concepibili i viaggi nel tempo

Onde gravitazionali, concepibili i viaggi nel tempo

Attraverso i buchi neri, come quello al centro della Via Lattea

13 febbraio, 08:54

  • Rappresentazione artistica di un wormhole (fonte: Alain r)Rappresentazione artistica di un wormhole (fonte: Alain r)

 Viaggiare nello spazio e nel tempo, tuffandosi nei buchi neri e sfrecciando all’interno di un cunicolo spaziotemporale, un wormhole come quelli immaginati nel film Interstellar: sembra fantascienza, ma molto probabilmente tutto questo “diventa concepibile” dopo la scoperta delle onde gravitazionali. “Si apre un mondo per la ricerca. Anzi, si potrebbero aprire più mondi”, ha detto Salvatore Capozziello, dell’università Federico II di Napoli, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e presidente delle Società Italiana di Relatività Generale e Fisica della Gravitazione (Sigrav).

“Le onde gravitazionali che adesso siamo in grado di intercettare sono direttamente connesse con la struttura degli oggetti che le emettono, vale a dire – ha spiegato l’esperto – posso desumere da un’onda gravitazionale le caratteristiche dell’oggetto che la emette”. Diventa possibile costruire una nuova mappa del cielo: finora avevamo solo quella basata sulla luce visibile, o sui raggi X, o sull’infrarosso, e adesso si può costruire la mappa basata sulle onde gravitazionali.

“E’ appena l’inizio di una lunga storia”, ha rilevato Capozziello, perchè una mappa del genere potrebbe essere fatta di una miriade di oggetti che finora sono stati invisibili. Non solo: finora i buchi neri erano solo oggetti teorici previsti dalla teoria della relatività generale; adesso sono oggetti reali. Ne sono state appena visti due, distanti 1,3 miliardi di chilometri, fondersi in un nuovo buco nero. E’ stato ascoltato il loro suono, ne sono state calcolate dimensioni e distanza. Che cosa significa tutto questo, a che cosa potrebbe servire? Sicuramente sono conoscenze senza precedenti e rivoluzionare, ma potrebbe esserci altro”.

“Sappiamo – ha detto l’esperto – che i buchi neri sono così densi che non emettono luce e che qualsiasi cosa cada al loro interno non può più uscire”. A questo punto bisogna fare i conti con il principio di conservazione dell’energia, per il quale “tutte le grandezze nel buco nero vengono preservate. Vale a dire che tutto ciò che viene ingoiato dal buco nero finisce da un’altra parte a formare un buco bianco”.

All’interno del buco nero si forma un cunicolo spaziotemporale, un wormhole. Anche questi oggetti fantascientifici sono previsti dalle equazioni di Einstein, proprio come le onde gravitazionali. Queste ultime aiuteranno a trovarli, per esempio confermando o meno se il buco nero Sagittarius A che si trova al centro della Via Lattea è in realtà un wormhole, come alcuni calcoli indicano.

Viaggiare al loro interno, ha spiegato, potrebbe deformare l’ordine in cui siamo abituati a vivere passato, presente e futuro. “Tutto questo – ha aggiunto – è pura fisica teorica, ma se un domani si riuscisse a vedere un wormhole, significherebbe aver trovato il modo di viaggiare non solo nello spazio, ma nel tempo”.

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/fisica/2016/02/13/onde-gravitazionali-concepibili-viaggi-nel-tempo-_8c827b19-c987-4e31-b480-e042a6afb14c.html

Categorie:cultura Tag:
  1. 1 Aprile 2017 a 15:33 | #1

    @sergio
    Ancora no! Ma se mai avrò la possibilità di viaggiare liberamente nel tempo lo farò senz’altro. Ecco perché oggi spero di vedere me stesso in filmati d’epoca.

  2. sergio
    29 Marzo 2017 a 17:10 | #2

    @Giovanna
    Magari bastasse questo! Temo che siano dei bug del programma dei blog che, evidentemente, Tiscali cura sempre meno (e forse non ha torto, visto il deserto che si è creato). Sono stato a smanettare per giorni, autorizzando i commenti. Sono persino ricorso a una vecchia guida del famoso Giomba (te lo ricordi?). Macchè, Risultava sempre che i commenti erano chiusi. Ora, forse, è intervenuto qualche programmatore di Tiscali… Boh?

  3. Giovanna
    29 Marzo 2017 a 16:47 | #3

    Credo dipenda dalle di impostazioni che hai nel forum di discussione…lo faceva pure a me …allora ho spuntato e impostato Chiudere automaticamente i commenti degli articoli più vecchi”0″ giorni!
    :-) anche se, a dire il vero, non ricordo di averlo messo io lo “0″… che confusione!:-D

  4. sergio
    29 Marzo 2017 a 9:50 | #4

    @ProfG
    Ma non mi dire! :D … Hai anche assistito ai concerti del grande Elvis the Pelvis in the Memphis?
    GRANDIOSO!

  5. sergio
    29 Marzo 2017 a 9:42 | #5

    Ma che bello: Gianluca, Julien e la mia fatina azzurra Giovanna che commentano! Sapete, amici miei? Stavo per abbandonare questo blog e creare una piattaforma su un diverso server perché trovavo sempre la scritta: “I commenti sono chiusi”. Pare che non sia più così e ne sono lieto!
    Un abbraccio a tutti. :D

  6. Julien
    23 Marzo 2017 a 16:28 | #6

    @Giovanna Diavolo di una donna! Hai proprio ragione tu! :)

  7. Giovanna
    23 Marzo 2017 a 15:00 | #7

    Ops. .. RESTI non testi! Ufff aspetta che cavalco le onde gravitazionali e correggo l’errore :-D
    Ecco…questo si che sarebbe utile… tornare nel passato per rimediare a tutti gli errori che facciamo :-(

  8. Giovanna
    23 Marzo 2017 a 14:56 | #8

    @ per julien
    “…tutte le grandezze nel buco nero vengono preservate. Vale a dire che tutto ciò che viene ingoiato dal buco nero finisce da un’altra parte a formare un buco bianco”.
    Lo dice l’articolo . Però testi tra me e te….shhhh… avvicinati così non ci sente nessuno… io trovo più osé il buco nero :-)

  9. Julien
    23 Marzo 2017 a 8:28 | #9

    C’è un antico paradosso di Bertrand Russel che dice: “se vado nel passato e uccido mio padre prima della mia nascita, come farò a nascere per andare poi nel passato a uccidere papà?”. Ho un’immensa stima dei ricercatori dell’INFN però mi limiterei all’osservazione che deriva dalla relatività di Einstein e indica che un viaggiatore superveloce potrebbe tornare, ancora giovane, su un mondo molto invecchiato. Questo però a condizione di avere a disposizione una energia pressoché infinita.
    I buchi neri mi inquietano. Nel mio immaginario rappresentano il ritorno al momento zero dell’universo e quindi un viaggio verso una realtà parallela.
    Giovanna, ma cos’è il buco bianco? Non sarà una cosa un po’ osé? :)

  10. 23 Marzo 2017 a 7:00 | #10

    Voglio andare a vedere qualche vecchio filmato dei concerti di Elvis Presley, hai visto mai mi riconoscessi tra il pubblico? Avrei la certezza che in futuro avrò la possibilità di viaggiare liberamente nel tempo.

  11. giovanna
    22 Marzo 2017 a 11:33 | #11

    :-( Non sono molto sicura di voler viaggiare nello spazio e nel tempo. Tornare nel passato o fare un salto nel futuro e tra questi due viaggi stare un po’ nel presente! E se finisco nel buco nero…se mi inghiotte e fluttuo per sempre al suo interno? e se finisco nel buco bianco? Troppo bianco! Ma anche stare in questo presente…non è che sia tutto sto spasso! E mentre scrivo penso penso a battiato che supererebbe le correnti gravitazionali per non far invecchiare la persona che ama…chissà se per farlo cavalcherà le onde… :-(

  12. 21 Marzo 2017 a 0:04 | #12

    Annunci simili a questo si ripropongono periodicamente, ma poi di solito nulla segue: l’esperienza passata ci insegna a essere scettici.

I commenti sono chiusi.